Logo Fondazione Maria Carta

Edizione 2008

La sesta edizione del Premio Maria Carta torna a Siligo il 10 agosto del 2008 e si apre la mattina on l’inaugurazione della piazza intitolata all’artista, teatro la sera della cerimonia di consegna dei premi.
I riconoscimenti sono stati assegnati alla catalana Maria del Mar Bonet, forse la piu’ importante voce della tradizione catalana che già in passato, durante la sua luminosa carriera, ha avuto modo di condividere palchi internazionali con Maria Carta.
A Vinicio Capossela, che con la Sardegna ha maturato un attaccamento straordinario, scegliendo e trovando ispirazione anche in simboli e luoghi della nostra regione (basti pensare alle maschere barbaricine e alla grotta di Ispinigoli dove ha registrato, con tre tenores di Mamoiada, “Brucia Troia” del suo album “Ovunque proteggi”).
A Marisa Sannia, con il conferimento per la prima volta nella storia del premio di un riconoscimento postumo per la cantante originaria di Iglesias scomparsa a aprile.
Premi anche per i sassaresi Bertas, per il nuorese Gavino Murgia, nelle vesti anche di ricercatore della tradizione isolana ( a Orune come a Ardauli o Gavoi ) documentata in importanti progetti discografici.
Nell’ambito della difesa e divulgazione della tradizione locale s’inserisce anche il riconoscimento assegnato all’associazione Tumbarinos di Gavoi.
Premiato anche Paolo Pillonca, per il suo infaticabile lavoro di ricerca e promozione della cultura sarda; e per il mondo dell’emigrazione il circolo di Charleroi in Belgio.
Infine un altro riconoscimento che esula un po’ dalle categorie cui fa riferimento l’iniziativa di Siligo, è stato attribuito al giovane bergamasco, Enea Cabra, cieco dalla nascita e
con una grande passione per la Sardegna e la sua musica.

10 agosto 2008
La giornata ha avuto inizio con l’intitolazione di una piazza del paese all’artista.

(Foto: Alfredo Loffredo)

Video Concerto New York – 2008

La Fondazione Maria Carta a New York – 2008

torna in alto